The man who knows no foreign language, knows nothing of his mother.

SEGNI PUNTEGGIATURA/SIMBOLI GRAFICI


Ecco un elenco dei segni di punteggiatura  e di simboli grafici convenzionali della lingua inglese.

Virgola
,
COMMA
punto e virgola
;
SEMICOLON
due punti
:
COLON
punto interrogativo
?
QUESTION MARK
punto esclamativo
!
EXCLAMATION MARK
punto
punto e a capo
negli indirizzi web 
in matematica  (corrisponde alla virgola decimale)
.
FULL STOP
PERIOD
DOT
POINT
puntini di sospensione
...
DOTS
apostrofo
'
APOSTROPHE
lineetta  per delimitare una frase incidentale
-
DASH
trattino di mezzo per unire le parole
-
HYPHEN
trattino basso
_
UNDERSCORE
virgolette
"
INVERTED COMMAS (QUOTATION MARKS)
parentesi
()
BRACKETS
parentesi tonda aperta
(
LEFT BRACKET
parentesi tonda chiusa
)
RIGHT BRACKET
parentesi quadra aperta
[
LEFT SQUARE BRACKET
parentesi quadra chiusa
]
RIGHT SQUARE BRACKET
parentesi graffa aperta
{
LEFT CURLY BRACKET
parentesi graffa chiusa
}
RIGHT CURLY BRACKET
barra
/
SLASH
barra inversa
  
\
BACKSLASH
canceletto
#
POUND o HASHTAG
accento 
'
ACCENT
apice
^
CARET
asterisco
ASTERISK
spazio tra le parole
SPACE
lettera maiuscola
K
CAPITAL LETTER
lettera minuscola
m
SMALL LETTER
e commerciale
&
AMPERSAND
a capo
A NEW LINE
sottolineare
TO UNDERLINE
simbolo matematico più
+
PLUS
simbolo matematico meno
-
MINUS
simbolo matematico per
x
BY
 twelve by five...sixty 

simbolo matematico diviso
:
or
/
DIVIDED
four divided by two
simbolo maggiore
> 
GREATER THAN
simbolo minore
< 
LESS THAN
simbolo uguale
=
EQUALS
per cento
%
PERCENT




In Inghilterra molti studenti hanno problemi non solo con l’ortografia, ma soprattutto con la punteggiatura. Molti laureati, ad esempio, presentano alle aziende delle domande di assunzione zeppe di errori e con la punteggiatura sbagliata. La situazione è talmente preoccupante che un emerito professore di fonetica dell’University College di Londra ha concluso che sarebbe meglio abolire ogni regola. Ma non tutti sono d’accorso con l’emerito professore.


Ecco allora per voi alcuni preziosi consigli sull'uso della punteggiatura in inglese. A seguire un divertente articolo tratto dal blog di Sciltian Gastaldi.


Con l'avvento di internet e la nascita del suo slang e degli SMS, oggi è facile avere dubbi sull'uso della punteggiatura in inglese, specialmente se non è la vostra lingua. Se la state studiando, ecco cosa dovete assolutamente sapere. Vedrete, alla fine ne saprete quanto un madrelingua!


Il PUNTO FERMO ( . ) indica la fine di una frase.


The accessibility of the computer has increased tremendously over the past several years.


Il PUNTO INTERROGATIVO ( ? ) viene usato alla fine di una domanda.


What has humanity done about the growing concern of global warming?


Il PUNTO ESCLAMATIVO ( ! ) suggerisce enfasi.


I can't believe how difficult the exam was!


Il PUNTO E VIRGOLA (;) si usa per separare due frasi correlate ma indipendenti. Tuttavia, se le due frasi sono molto elaborate, è meglio usare il punto fermo.


People continue to worry about the future; our failure to conserve resources has put the world at risk.


Usate il punto e virgola anche per separare una lista complessa di elementi, soprattutto se contenente virgole.


I went to the show with Jake, my close friend; his friend, Jane; and her best friend, Jenna.


I DUE PUNTI (:) si usano per introdurre una lista. Utilizzateli solo dopo una frase completa che termini con un sostantivo, non con un verbo:


Corretto - The professor has given me three options: to retake the exam, to accept the extra credit assignment, or to fail the class.


Scorretto - The Easter basket contained: Easter eggs, chocolate rabbits, and other candy.


Il temine “TRATTINO” può essere tradotto con le parole "hyphen" e "dash", che si usano in maniere diverse.


L'hyphen ( - ), in passato, si usava comunemente quando si batteva a macchina per separare una parola lunga nel momento in cui si andava a capo.


Oggi si usa quando si aggiunge un prefisso a certe parole, allo scopo di renderle facilmente leggibili.


Esempio: re-examine è più semplice da leggere di reexamine.


Alcuni vocaboli non richiedono l'hyphen per separare il prefisso dalla parola; pensa a termini come restate, pretest e undo.


L'hyphen si usa se le due parole sono collegate; ne è un esempio re-arrange.


Cara is his ex-girlfriend.


Usatelo per creare nomi composti:


The up-to-date newspaper reporters were quick to jump on the latest scandal.


Usatelo quando scrivetei in lettere i numeri sotto il centinaio.


There are fifty-two playing cards in a deck. (Una frase come The amount is one hundred and eighty potrebbe essere scritta male negli Stati Uniti e in Canada, dove la congiunzione "and" viene solitamente omessa. Negli altri Paesi in cui si parla inglese questo raramente capita).


Attenzione ai numeri che superano il centinaio:


se un numero viene usato come aggettivo, allora occorre aggiungere l'hyphen, giacché tutti gli aggettivi composti presentano il trattino


This is the one-hundredth episode;


l'hyphen si utilizza con i numeri superiori a 100 solo se bisogna aggiungere delle decine.


Esempio: He lived to be one hundred twenty-one.


Il dash (il cui aspetto grafico può essere -- o — ) dovrebbe essere usato per fare una breve interruzione in una frase, inserire un cambiamento improvviso di pensiero o un commento aggiuntivo o introdurre una digressione dal valore emotivo. Insomma, serve per mettere in rilievo determinate parole. Potete anche usare le parentesi per ottenere lo stesso effetto.


Ricordate che il resto della frase dovrebbe fluire naturalmente; provate a rimuovere la frase contenuta all'interno del dash: se il resto della frase non è di senso compiuto, dovrete riscriverla.


Il British English prevede la battitura di uno spazio prima e dopo il dash.


An introductory clause is a brief phrase that comes — yes, you guessed it — at the beginning of a sentence.


This is the end of our sentence — or so we thought.


Le VIRGOLETTE (“) comprendono una citazione diretta, fatta da una persona o presa da un libro.


"I can't wait to see him perform!" John exclaimed.


According to the article, the value of the dollar in developing nations is "strongly influenced by its aesthetic value, rather than its face value."


L'APOSTROFO (') presenta una varietà di utilizzi.


Si può scrivere prima della lettera s per indicare possessione. Occhio alla differenza tra i sostantivi al singolare e quelli al plurale: se scrivete un nome al singolare, l'apostrofo va messo prima della s, mentre, se scrivete un nome al plurale, dopo la s.


Per quanto riguarda i nomi collettivi, come children o people, dovrete scrivere l'apostrofo prima della s. Attenzione anche ai pronomi che sono già possessivi, e dunque non richiedono apostrofi, come hers e its (it's si usa solo come forma contratta di it is e di it has).


Their è un aggettivo possessivo al quale non va aggiunto l'apostrofo né la s, ma, se si usa come pronome possessivo, si trasforma in theirs.


The hamster's water tube needs to be refilled.


Genitivo sassone di un sostantivo al singolare.


In the pet store, the hamsters' bedding needed to be changed.


Genitivo sassone di un sostantivo al plurale.


These children's test scores are the highest in the nation.


Genitivo sassone di un nome collettivo.


Friends of hers explained it's her idea, not theirs, to refill the hamster's water tube and change its bedding.


L'apostrofo si usa per combinare due parole e creare una contrazione.


Per esempio, cannot diventa can't, you are diventa you're e they have diventa they've.


Assicurati di usare correttamente l'aggettivo possessivo your e la contrazione you're: confonderli è un errore piuttosto comune!


Usa l'apostrofo per indicare una citazione inserita all'interno di un'altra citazione.


Ali said, "Anna told me, 'I wasn't sure if you wanted to come!"


Quando si realizza il plurale di un sostantivo, e dunque si aggiunge una s, non va mai messo un apostrofo tra l'ultima lettera della parola e la s.


Corretto - apple → apples


Scorretto - apple → apple's


La VIRGOLA (,) indica una pausa all'interno di una frase. Si utilizza per denotare una pausa nella frase che serve a dare informazioni aggiuntive sul soggetto.


Bill Gates, CEO of Microsoft, is the developer of the operating system known as Windows.


Serve per indicare una serie di elementi:


The basket contained apples, bananas and oranges.


Si può anche scrivere


The fruit basket contained apples, bananas, and oranges.


The computer store was filled with video games, computer hardware and other electronic paraphernalia.


Si utilizza se il soggetto è descritto da due o più aggettivi. È sbagliato inserire la virgola dopo l'ultimo aggettivo.


Corretto - The powerful, resonating sound caught our attention.


Scorretto - The powerful, resonating, sound caught our attention.


Si usa quando si scrive una città seguita dallo stato.


I am originally from Ventnor, NJ.


Los Angeles, CA, is one of the largest cities in the United States.


Si usa per separare una proposizione coordinata o subordinata alla frase principale.


After the show, John and I went out to dinner.


On the back of my couch, my cat's claws have slowly been carving a large hole.


Si utilizza per separare due frasi indipendenti. Se le due frasi sono separate da una congiunzione (come and, as, but, for, nor, so o yet), inserite la virgola prima della congiunzione.


Ryan went to the beach yesterday, but he forgot his sunscreen.


Water bills usually rise during the summer, as people are thirstier during hot and humid days.


Usatela quando vi rivolgete direttamente a qualcuno per nome. Questo utilizzo si applica sia quando parliamo che quando scriviamo.


Amber, could you come here for a moment?


Si usa per separare le citazioni dirette. Va scritta dopo l'ultima parola precedente la citazione. Non è necessaria per le citazioni indirette.


While I was at his house, John asked me if I wanted anything to eat.


Citazione indiretta:


While I was at his house, John asked, "Do you want anything to eat?"


Citazione diretta:


According to the client, the lawyer was "lazy and incompetent."


Le PARENTESI TONDE ( () ) servono per chiarire un pensiero o esprimere un commento personale. Il punto va inserito dopo la parentesi di chiusura, a meno che l'intera frase non si trovi tra parentesi.


Steve Case (AOL's former CEO) resigned from the Time-Warner board of directors in 2005.


In questo caso, siccome le parentesi vengono usate come chiarimento, possono essere sostituite dalle virgole.


You will need a flashlight for the camping trip (don't forget the batteries!).


La frase tra parentesi rappresenta un pensiero sorto in un secondo momento. Come potete notare, il punto segue la parentesi di chiusura, non è messo davanti alla prima parentesi. In questo caso, le parentesi potrebbero essere sostituite da un punto fermo o da un punto e virgola, non dalle virgole.


Le PARENTESI QUADRE ( [] ) indicano una nota dell'editore in un pezzo. Potete anche usarle per chiarire o per rivedere una citazione diretta.


[The blast] was absolutely devastating," said Susan Smith, a local bystander at the scene of the incident.


It was absolutely devastating!: è questa la vera citazione di Susan Smith.


Le PARENTESI GRAFFE ( {} ) vengono usate per indicare un insieme di numeri o di elementi (anche se sono poco comuni in quest'ultimo caso).


{ 1, 2, 5, 10, 20 }


Choose your favorite utensil { fork, knife, spoon } and bring it to me.


Lo SLASH (/) si utilizza per separare and o or, ammesso che sia appropriato, congiunzioni che suggeriscono che delle opzioni non si escludono a vicenda.


To register, you will need your driver's license and/or your birth certificate.


Per citare testi di canzoni o poesie, con l'obiettivo di marcare l'interruzione di linea. Assicuratevi di aggiungere degli spazi tra gli slash in questo caso.


Row, row, row your boat / Gently down the stream. / Merrily, merrily, merrily, merrily, / Life is but a dream.


Per rimpiazzare la congiunzione and allo scopo di unire due sostantivi, così suggerirete che i nomi hanno pari importanza.


Usate queste sostituzioni con moderazione per garantire un'enfasi non sufficientemente resa da and e per non confondere il lettore.


Lo stesso vale per la congiunzione or, come in his/her. Non usate lo slash per separare proposizioni indipendenti.


Corretto


"The student and part-time employee has very little free time."


Scorretto "The student/part-time employee has very little free time."


Corretto


"Do you want to go to the grocery store, or would you prefer to go to the mall?"


Scorretto "Do you want to go to the grocery store / would you prefer to go to the mall?"


CONSIGLI


Se una frase è troppo lunga, suddividetela usando le virgole, così sarà di più facile comprensione. Potete anche dividerla in più frasi.


Per capire come usare la punteggiatura, leggete ad alta voce le frasi scritte: sentire come suonano vi aiuterà a comprendere come sistemare i vari segni. Per esempio, se qualcuno dice


I want to do something let's go right now,


naturalmente vorrete inserire un punto esclamativo alla fine della frase e una virgola dopo something e prima di Let's go, così la frase diventerà


I want to do something, let's go!


Il punto fermo va posizionato prima o dopo la chiusura delle virgolette?


Per quanto concerne l'inglese americano, i punti fermi e le virgole vengono inseriti all'interno delle virgolette.


Esempio: "like so."


Per quanto riguarda l'inglese britannico, invece, i punti fermi e le virgole vengono messi dopo le virgolette. Esempio: "like so".


Il punto e virgola e i due punti vanno sempre inseriti fuori le virgolette:


 "like so";


Il punto interrogativo e quello esclamativo presentano una posizione che varia a seconda del contesto. Se l'intera frase è una domanda e la citazione è una parola o una locuzione alla fine della frase, il punto interrogativo va messo fuori le virgolette. Se l'intera frase è un'affermazione e la citazione è una domanda, il punto interrogativo va inserito tra le virgolette.


Do you like to watch "The Office"?


He shouted, "Where do you think you're going?"


Nella scrittura formale, evitate l'uso estremo dei punti interrogativi ed esclamativi: la maggior parte delle frasi dovrebbe consistere in affermazioni dichiarative.


I dash sono considerati quasi sempre informali. Potete rimpiazzarli con le parentesi o con le virgole. Inoltre, limitate la loro frequenza quando scrivete: vanno riservati per enfatizzare un paio di punti importanti.


(Da http://it.wikihow.com/Usare-Correttamente-la-Punteggiatura-in-Inglese)



LA VIRGOLA DI OXFORD


(Dal blog di Sciltian Gastaldi - 8 aprile 2011)


Dovete scrivere in inglese? Sappiate che se anche conoscete bene la lingua di Shakespeare, al momento della punteggiatura rischiate di fare la figura di Totò e Peppino con la loro famosa lettera: “Punto; due punti! Massì, fai vedere che abbondiamo!”. Ora, che la punteggiatura in inglese funzionasse in modo diverso che in italiano, lo sapevo anch'io. La cosa buffa è che questo discorso non vale per tutti i segni. Per dire: il punto e virgola si adopera in inglese come in italiano alla stessa maniera. È una pausa più lunga rispetto a una virgola, serve per separare gli elementi di una lista nella quale abbiamo almeno due elementi diversi (esempio, il nome e cognome di varie persone, e poi il loro titolo professionale) oppure quando all’interno di un periodo lungo abbiamo due frasi indipendenti ma collegate dallo stesso filo di ragionamento (in concordanza od opposizione). Fino a qui tutto facile: se sai usare il punto e virgola in italiano, lo saprai usare anche in inglese.


I problemi cominciano con i due punti. I due punti in inglese, sostanzialmente, non si devono mai usare se non dopo parole chiave come “following” (seguente). Infatti, se usate i due punti in inglese quando li usate in italiano (per esempio: dopo l’equivalente del sintagma “per esempio”) fate un errore di punteggiatura. L’inglese non tollera i due punti dopo “such as” (“come, quali” per introdurre un elenco), come non li tollera dopo “include” e una lista di nomi; non lo tollera nemmeno dopo “consists of” e una lista di categorie.


Sulla virgola, cari miei, "lasciate ogni speranza voi ch’entrate". Perché in italiano è facile: si mette una virgola tutte le volte che è necessario respirare per pronunciare correttamente una frase. In inglese, semplicemente, no. Ecco che, per esempio, nella seguente frase:


The radical social changes in East Europe following the fall of the Berlin Wall and the subsequent failure of governments to address them have left many people disillusioned (I radicali cambiamenti sociali in Europa orientale dopo la caduta del muro di Berlino e la conseguente incapacità dei governi di affrontarli hanno disilluso molte persone).


Se provate a mettere una virgola nei punti naturali di respiro, vale a dire dopo “Wall” e al limite anche dopo “them”, fate due errori di punteggiatura. Perché gli inglesi lì respirano proprio come voi (sennò col picchio che potrebbero leggere la frase) ma non usano la virgola per indicare dove la voce si può fermare un secondo per incamerare aria! Sono pazzi questi inglesi, verrebbe da dire, ma è proprio così.


C’è poi la questione della “virgola di Oxford”, vale a dire la virgola che si usa all’interno di una lista di nomi, prima della congiunzione “and”. In italiano, è un errore marchiano, perché – ci dicono – la congiunzione congiunge, la virgola separa. In inglese si può tranquillamente scrivere:


Yesterday, I met Paul, Max, Tom, and Bill.


Anche se sta cominciando a prendere piede l’idea che quella virgola prima di “and” ci stia proprio uno schifo. E vogliamo parlare della virgola dopo “Yesterday”? Il risultato ridicolo è che nella prima frase  non ci va nemmeno una virgola, e tanti auguri per i polmoni; nella seconda frase io conto 4 virgole per 8 parole! Ma qui vanno bene …


Le sorprese non finiscono nemmeno con le virgolette. Anzitutto, la virgola cade all’interno dell’espressione tra virgolette, cosa che secondo me è un abominio, soprattutto se le virgolette sono il segno di una citazione di discorso altrui, come in questo caso:


Mark Twain once said, “There are three kinds of lies – lies, damnable lies and statistics,” and his observation seems quite apropos to the current debate over global warming ("Ci sono tre tipi di bugie - bugie, bugie maledette e le statistiche", e la sua osservazione sembra abbastanza pertinente al dibattito in corso sul riscaldamento globale).


In questa frase stiamo riportando una frase di Twain (che per altro se ne infischiava della “virgola di Oxford”, faccio notare) ma la cosa assurda è che gli abbiamo aggiunto una bella virgola dopo “statistics” al posto del suo punto. Mark Twain lì ci aveva messo un punto, fine periodo. Noi invece, se siamo madre lingua inglese o se vogliamo rispettare la loro punteggiatura assai discutibile, lo leviamo e ci mettiamo anzi una bella virgola, perché una bella virgola, se siamo di Oxford, non la si nega a nessuno.





1 commento:

  1. utilissima la completa interpunzione, specialmente se si ci trova sotto dettato

    RispondiElimina